Ricerca e Sperimentazione

Ricerca e sperimentazione come un modo di concepire la vita

Quasi Reale

La realtà che ognuno vive è data dalla sua percezione

Il concetto damanhuriano di Quasi reale mette l'individuo al centro della propria esperienza.

Una realtà oggettiva non esiste. Il Quasi reale prende in considerazione la realtà che ognuno percepisce, a seconda del carattere, dell'esperienza, del momento e della capacità di ascoltare gli altri. Da tutto questo nascono i punti di vista, le opinioni, i ricordi estremamente diversi.

Per essere davvero in relazione con gli altri, occorre avere consapevolezza dei tanti possibili Quasi reale. Questo è necessario non solo per rispettare il punto di vista altrui, ma anche per lasciarsi "toccare" dall'ipotesi che la realtà non sia "una". Ogni realtà soggettiva è né esatta né sbagliata: semplicemente, riflette le mille sfaccettature che contraddistinguono le differenze tra gli individui e le differenze tra le varie culture del pianeta.

Oltre al rispetto delle diversità, I damanhuriani ritengono che sia necessario avere umiltà, disponibilità, volontà di comunicare e capacità di ipotizzare anche visioni diverse dalla propria. Tutto questo ci aiuta a sentirci non soli, al centro della nostra esperienza, ma vicini agli altri.

Ricorda...
Qualsiasi siano i sogni e le sfide che viviamo, tutti possiamo risvegliare la scintilla divina che è dentro di noi.
La nostra speranza è che, connettendoci, possiamo riuscirci insieme.

Resta connesso attraverso la nostra newsletter!

* campo obbligatorio

Sono interessato a:

Sottoscrivendo dichiaro di aver letto le informazioni sulla gestione dei dati personali.