Visione Spirituale

Un percorso di risveglio della propria scintilla divina

Fisica Spirituale
Indagine sulla Realtà

Osservare la realtà alla luce delle leggi universali

La Fisica spirituale osserva i meccanismi che regolano la vita, gli eventi e tutti gli elementi che concorrono all'esistenza di questo universo, attraverso la lente della visione mistica e dell'indagine personale. Il metodo con cui i principi e le leggi vengono esplorati passa attraverso l'esercizio dei propri sensi e delle proprie facoltà: ogni ricercatore indaga e sperimenta, applica e corregge, apre nuove frontiere alla comprensione della realtà che ci circonda.
La Fisica spirituale nasce attraverso un processo dialettico, interno alla realtà di Damanhur, e il suo linguaggio è dinamico, in continua evoluzione e aggiornamento. Sono frequenti gli incontri nei quali i damanhuriani discutono e si aggiornano reciprocamente su ipotesi e scoperte. Talvolta si sviluppano anche scuole di pensiero diverse, che interpretano gli stessi principi da punti di osservazione differenti, e dal cui confronto si generano ulteriori spunti di riflessione.
Tra gli argomenti principali vi sono la cosmologia, la fisica dello spazio-tempo, la struttura della materia e le leggi che sostengono l'universo.
Dagli studi sulla Fisica spirituale nasce la tecnologia utilizzata per intervenire sulla sincronicità, sullo spazio e sul tempo, per intensificare e ampliare le nostre percezioni e la nostra sensibilità, e per mantenere in salute il nostro corpo.
La Fisica spirituale prende in considerazione i "massimi sistemi", le implicazioni filosofiche, l'ecosistema sottile e l'individuo nella sua complessità fisica, energetica e spirituale.

Universo delle Forme

Il nostro universo, caratterizzato da forma e tempo

La Fisica spirituale ipotizza che il campo dell'Esistente sia attraversato da Leggi Primeve. Queste leggi, incontrandosi in una costante variazione di flussi reciproci, generano più piani di esistenza diversi, chiamati "universi". Ogni universo viene definito anche come "campo di leggi".
All'interno di ciascun universo non agiscono più le Leggi Primeve ma una loro derivazione, da cui l'appellativo di Leggi Derivate. Le otto leggi che si incontrano in un equilibrio paritetico nel nostro universo, detto anche "Universo delle Forme", sono:
Sincronicità; Atomo Unico; Divinità; Essenza Geometrica; Matrice Temporale; Caduta Eventi; Caos; Freccia della Complessità.
Dall'interazione di queste forze fondamentali scaturisce il Tempo. L'Universo delle forme è caratterizzato dalla molteplicità di forme, dalla loro varietà, dalla distanza tra una forma e l'altra e dall'interazione tra forme e Tempo.
All'interno del nostro universo, i mondi sui quali è presente la vita sono collegati da una sistema di scorrimento di pensieri, informazioni, energia: le Linee Sincroniche, che furono, fin dai primi anni di Damanhur, oggetto di ricerca da parte di Falco Tarassaco. Le Linee Sincroniche della Terra formano una rete di diciotto linee principali e innumerevoli linee minori. Damanhur e i Templi dell'Umanità sono costruiti in corrispondenza dell'incrocio di quattro Linee Sincroniche.

Tempo Contenitore

Il Tempo è un regno naturale, con molte ramificazioni

La Fisica spirituale considera il Tempo da due principali punti di vista: come una sequenza di eventi, tra loro connessi da causa-effetto, e come un "territorio" in cui tutti gli eventi sono presenti e contemporanei, nel quale non vige più la legge di causa-effetto.
Nel primo caso, ha senso l'idea di passato-presente-futuro come siamo soliti fare, percepita secondo la logica lineare. Nel secondo caso, esiste un "eterno presente", nel quale possono snodarsi infinite sequenze di eventi possibili. Entrambi i presupposti aprono a una serie di sviluppi importanti, che portano all'elaborazione di complesse teorie sul Tempo e sull'esplorazione del tessuto spazio-temporale.
Il Tempo, peraltro, non è semplicemente "qualcosa che passa" ma è un elemento dotato di specifiche caratteristiche, secondo i parametri di peso, densità e temperatura. In virtù di queste caratteristiche, il Tempo è un vero e proprio "contenitore di eventi" che, unito allo spazio, rende possibile lo snodarsi degli avvenimenti.
Il Tempo viene considerato dalla Fisica spirituale come un vero e proprio regno naturale. A fianco dei regni minerale, vegetale e animale, esiste quindi il "regno temporale": un ecosistema intelligente che interagisce con i regni spaziali secondo specifiche leggi. Nel regno temporale si sviluppano rami di tempo diversi, paralleli, aree in cui il tempo scorre in modi differenti, e così via. È possibile conoscere e operare sul regno temporale grazie alla tecnologia dei "semi temporali", la cui "coltivazione" rende possibile l'orientamento di flussi di eventi, l'innesco di nuove sequenze e la modifica degli effetti del passato sul presente... E' perfino possibile ipotizzare una teoria sui viaggi nel tempo, sfida che ha sempre appassionato i ricercatori damanhuriani.

La Struttura d'Anima

Siamo esseri complessi, che esistono su piani diversi

Secondo la Fisica spirituale l'essere umano esiste su piani diversi: fisico, energetico e spirituale. Accanto al corpo fisico, infatti, è presente una complessa fisiologia sottile nella quale agiscono i corpi energetici, l'aura vitale, il sistema delle microlinee, i chakra (chiamati "adonajba" dai damanhuriani) e numerosi altri organi di cui è importante prendere consapevolezza.
Anche la nostra struttura d'anima è una realtà complessa: dentro di noi convivono più personalità, che si esprimono ognuna con il proprio carattere, visioni, esigenze, idiosincrasie e passioni, proprio come veri e propri individui a sé stanti.
Una specie di micro-comunità interna che deve trovare un accordo, un'armonia tra le proprie parti, affinché noi stessi possiamo vivere con serenità ed equilibrio la nostra vita!
Ogni essere umano inoltre ospita una scintilla divina, derivazione della natura spirituale che accomuna ogni creatura dell'universo. Questo fa di lui una creatura-ponte, in grado cioè di avvicinare il piano materiale a quello spirituale. Diventare intimamente consapevoli della propria scintilla divina significa compiere un percorso evolutivo.
Al momento della morte, mentre il corpo fisico e i corpi energetici si dissolvono, la struttura d'anima permane e raggiunge la Soglia, una dimensione nella quale, in assenza di tempo, le diverse personalità attendono l'opportunità di una nuova incarnazione.
La "illuminazione" e la "metamorfosi" rappresentano gli obiettivi dell'essere umano, nel suo percorso verso il risveglio e la consapevolezza della sua funzione nell'Universo.